Idee per gite di un giorno intorno a Imperia

Di seguito desideriamo fornire ai nostri ospiti alcuni spunti per brevi viaggi da compiere nell'arco di una giornata a breve distanza da Imperia. 

Ecco la scelta delle nostre 8 destinazioni assolutamente da non perdere:

  1. Sanremo
  2. Cervo
  3. Alassio
  4. Pista Ciclabile della Riviera
  5. Nizza
  6. Montecarlo
  7. Entroterra di Porto Maurizio
  8. Alpi Liguri

Un giorno a Sanremo

SANREMO, LA CITTÀ DEI FIORI

 

Capitale del turismo, dal calendario ricco di avvenimenti, dove farsi coccolare tutto l’anno. Tra il Casinò e la Passeggiata

 

Il Festival della Canzone Italiana, il Premio Tenco, la Giraglia, la Milano-Sanremo, il Casinò: tutto accade a Sanremo. Ma Sanremo è prima di tutto una delle località turistiche più conosciute della Riviera dei Fiori. Molto celebre la Via Matteotti detta "La Vasca": è la lunga via pedonale che accoglie il Teatro Ariston, la via principale e più chic di Sanremo, quella dove si concentra lo shopping internazionale, di alto livello. A pochi passi in Corso degli Inglesi si trovano il Casinò Municipale e la Chiesa Russa, di fine Ottocento.

 

La Pigna, nucleo primitivo della città, ancora vivo e pulsante, è un labirinto di caruggi (vicoli) e case. Una menzione speciale la meritano le ville e giardini Sanremo: Villa Ormond con il suo parco ricco di piante esotiche; Villa Nobel, dove abitò Alfred Nobel che oggi ospita il museo sulle scoperte e le invenzioni dell'Ottocento e Villa Zirio (sede dell'Orchestra Sinfonica, una delle più antiche fondazioni musicali italiane).

 

Per chi ama pedalare vista mare, la Pista Ciclabile del Ponente Ligure, offre scenari mozzafiato. Un’oasi sospesa tra il verde e l’azzurro, fra pini marittimi e spiagge, costeggiando il mare per ben 24 km. È percorribile a piedi, in bicicletta, pattini a rotelle e skateboard. E’ adatta alle famiglie con bambini, con punti di ristoro e noleggio bici. Godibile tutto l’anno, è anche dotata di wi-fi. Il Circolo Golf degli Ulivi è la più antica e prestigiosa istituzione sportiva della città, un campo a 18 buche fra i più amati della Liguria. Portosole è il porticciolo turistico della città, con oltre 900 posti barca. 

 

Sanremo dista 23 km da Imperia, e può essere comodamente raggiunta sia in treno che in autobus in mezz'ora circa.

 

Più informazioni disponibili a:

https://www.tripadvisor.it/Attractions-g194900-Activities-Sanremo_Italian_Riviera_Liguria.html

Un giorno a Cervo

CERVO, UNO DEI PIU' BEI BORGHI D'ITALIA

 

Cervo, da anni certificato tra `I Borghi più Belli d`Italia`, ha conservato intatte le sue originalissime caratteristiche di borgo medievale sul mare, protetto da torri e mura cinquecentesche e circondato da verdi colline.

 

Il centro storico è praticabile solo a piedi ed è stato conservato con i suoi edifici, vecchi di secoli, e i suoi vicoletti ciottolati dove si trovano botteghe di artigiani ed artisti.

Il litorale è caratterizzato dalla presenza di piccoli stabilimenti balneari; per il resto, arenili e scogliere sono liberi e discreti e non ci si sente altra voce che quella del mare. E l`acqua è sempre limpida, con fondali ricchi di alghe e pesci.

A monte del paese, attorno a ruderi di epoche passate, le colline sono ricche di boschi di pini e uliveti, percorse da sentieri silenziosi dove si respira aria pulita.

 

A tavola, poi, Cervo è rimasta serenamente fedele alla dieta mediterranea: qui si fa ancora l`olio applicando l`antica tecnica della spremitura a freddo delle olive, il vino viene prodotto con le uve tipiche (pigato e vermentino) e i piatti sono cucinati con il pescato di ogni mattina.

 

Notevole il patrimonio culturale: Cervo è dominata da un castello medievale, antica dimora dei Marchesi Clavesana, che oggi ospita mostre d`arte e il permanente Museo Etnografico del Ponente Ligure; nel Borgo, gli antichi palazzi nobiliari aprono i portoni sui `carrugi` dove si affacciano i portali del romanico Oratorio di Santa Caterina; sul sagrato dei Corallini, la barocca Chiesa di San Giovanni Battista offre la concava facciata quale immagine caratteristica del paese.

 

Per quanto concerne le manifestazioni, Cervo è nota per il Festival Internazionale di Musica da Camera che si svolge ormai da più di quarant`anni e dove i maggiori artisti d`Europa offrono concerti al chiaro di luna, da vivere in rapito silenzio.

Il Festival e le rinomate Accademie musicali, hanno valso a Cervo il titolo di `Borgo della Musica`.

 

Altre informazioni possono essere reperite su portale turistico di cervo

 

www.cervo.com

 

insieme ad una interessante brochure:

 

http://www.cervo.com/public/multimedia/mmf_261/Cervo_depliant_2015_email.pdf

Un giorno ad Alassio

ALASSIO, TIPICAMENTE LIGURE

 

 

Alassio è una città ligure molto caratteristica, dista solo 25 Km da Imperia, e può essere raggiunta comodamente in treno in circa 20 / 30 minuti.

 

Ecco 10 motivi che sono più che validi per visitarla e dedicarle una gita di un giorno:

1. Spiaggia totalmente di sabbia:

questo è un punto di forza di Alassio dato che la Liguria è nota per avere quasi tutte le spiagge di pietre.

2. Estesa e curata camminata lungomare:

durante il giorno o alla sera è bello, romantico e rilassante passeggiare lungomare osservando gli stabilimenti balneari e il mare blu. Proprio dietro al lungomare sono presenti ristorantini e hotel.

3. Ristoranti carini e di qualità:

la cucina ligure è sicuramente ottima e Alassio gode di stupendi ristoranti situati lungomare (in alcuni potrete addirittura cenare sulla spiaggia) e altri lungo il budello.

4. Esteso budello ricco di negozi:

il budello è il corso storico dove si possono trovare negozi di abbigliamento, pasticcerie e ristoranti. Vi consiglio di fare un giro nei negozi lungo il budello di Alassio, vendono cose di qualità a prezzi non esagerati.

5. I baci di Alassio:

i famosi dolcetti liguri composti da cioccolato sono sicuramente una specialità del posto. Qui si possono trovare ottime pasticcerie per degustarli.

6. Muretto di Alassio:

sicuramente da non perdere è il simbolo storico della città. Un lungo muretto di pietra dove sono state appese piastrelle colorate e altri decori, contrassegnati dalle firme impresse di persone famose.

7. La Madonnina:

una piccola cappelletta a picco sul mare. E’ possibile arrivarci tramite un bella passeggiata lungomare che si estende fino al porto.

8. L’isola Gallinara:

l’isolotto a forma di enorme tartaruga posta di fronte ad Alassio, è una riserva di gabbiani ed anche utilizzato come punto strategico per fare immersioni subacquee.

9. Spettacoli in piazza e divertimenti per tutti i gusti:

durante la stagione estiva in Piazza Partigiani ogni sera si può trascorrere la serata allietati da vari spettacoli, si va da quelli per i bambini fino ai musical, dagli spettacoli col fuoco fino alla stupenda notte bianca. I divertimenti sono presenti in tutta la città e sul lungomare e ce n’è per tutte le età, dai lounge bar per bere qualcosa in tranquillità alle discoteche per chi vuole scatenarsi a suon di musica.

10. Sentieri per mountain bike e trekking:

sempre rimanendo in zona si possono percorrere lunghi sentieri in bici o a piedi godendosi la meravigliosa vista sul mare.

 

Una città insomma indicata un po’ per tutti, dagli amanti del mare a quelli della vita mondana, alle persone amanti della buona cucina e a quelli a cui basta un pezzo di focaccia e vogliono crogiolarsi al sole.

 

Più informazioni disponibili su:

http://www.alassio.eu/

Un giorno alla Pista Ciclabile Riviera

La Pista ciclabile del Ponente ligure, 24 Km di sport, natura e relax nella Riviera dei Fiori

 

La Pista Ciclo-Pedonale del Parco Costiero Riviera dei Fiori è situata sui 24 km della vecchia linea ferroviaria che dal 1872 al 2001 ha servito il Ponente Ligure.

 

Questa linea ferroviaria, ritratta in molti libri e film grazie alla bellezza dei luoghi che attraversa, è un vero pezzo di storia, testimone dello sviluppo e dei mutamenti della Riviera dei Fiori.

Infatti, fu una linea di lusso, che tra la fine dell'800 egli anni '30 del '900 trasportò nobili e possidenti italiani, ma anche inglesi, tedeschi e russi, che venivano a soggiornare in Riviera. Divenne poi linea militare durante la seconda guerra mondiale, e negli anni del "Boom" è la ferrovia "che porta al mare" migliaia di turisti italiani, nei primi esordi del turismo di massa in un paese in rapida crescita.

 

Lo spostamento a monte della rete ferroviaria ha portato un vantaggio epocale per la Riviera ligure di ponente: oltre alla realizzazione dell’attuale pista ciclabile sull’ex tracciato ferroviario, che ha incrementato l’offerta turistica della zona, ha finalmente liberato Sanremo e i piccoli borghi attraversati da una linea che tagliava in due parti i paesi, disseminati di passaggi a livello e angusti sottopassi di difficile percorrenza. Il graduale recupero delle aree ferroviarie dismesse ha inoltre riqualificato molte zone, e reso possibile l’accesso allo splendido litorale e a paesaggi suggestivi proprio a ridosso del mare.

 

Dal 2004 la società Area24 ha fatto rivivere questo incantevole percorso, che affascinò gli artisti ed intellettuali di tutta Europa, valorizzandone al massimo le potenzialità e restituendo alla collettività uno spazio a misura d'uomo nel cuore della Riviera studiato e realizzato per fornire comfort e benessere e divertimento.

Infatti è riduttivo definire il Parco Costiero Riviera dei Fiori una semplice pista ciclabile.........

 

La prima tappa della pista ciclabile è quella di San Lorenzo. Proprio qui, in questo borgo affacciato sul mare, con le case colorate dei pescatori e protetto alle spalle dai monti, nasce la nostra splendida pista ciclabile lunga quasi 24 chilometri totali e che porta fino a Ospedaletti. Potete percorrere questa tappa, come tutte le altre, a piedi o in bici e qualsiasi modo scegliate riceverete in regalo un’emozione unica.

 

Il mare e il fragore delle onde da una parte, la natura incontaminata dall’altra, vanno a creare insieme una cornice che non si ritrova in nessun’altra pista ciclabile d’Italia.  Una magica alternanza di colori, profumi e sensazioni vi accompagnerà in questo primo tuffo nella pista ciclabile a San Lorenzo e ciò che la rende ancora più affascinante è che, un tempo, questo tratto era inaccessibile a causa della ferrovia che correva con i suoi binari di acciaio proprio nello stretto passaggio concessole dalla natura.

 

Come arrivare a San Lorenzo al mare

Se decidete di arrivare qui in auto, uscendo dall’autostrada A10, Imperia Ovest, percorrete l’Aurelia in direzione Ventimiglia e dopo pochi chilometri arriverete proprio a San Lorenzo. Diversi parcheggi gratuiti (zona del Cimitero) e altri a pagamento proprio nel centro del paese (vecchia stazione ferroviaria) e a soli 5 minuti dall’inizio della pista, facilitano i visitatori che possono lasciare la loro macchina in totale sicurezza e dedicarsi una giornata all’insegna del relax.

Stessa comodità anche se decidete di utilizzare i mezzi pubblici: la linea Imperia-Sanremo vi lascerà proprio nei pressi dell’inizio della pista ciclabile, ma sugli autobus di linea non è permesso trasportare le bici che invece potete comodamente noleggiare proprio una volta giunti a San Lorenzo.

 

Più informazioni sul sito 

 

www.pistaciclabile.com

www.area24spa.it/it/pistaciclabile

www.facebook.com/pistaciclabilesanlorenzo

Un giorno a Nizza

Nizza, la capitale della Costa Azzurra

 

Il sole che la illumina per 300 giorni l'anno, la grandezza e la ricchezza della sua celebre storia e cultura, il suo mare che la abbraccia lungo la celebre Promenade, le sue alte montagne e la bellezza stupefacente, il calore del suo accento locale o le luci abbaglianti che illuminano le sue notti.

  

Nessuno sa esattamente che cosa renda Nizza così unica, ma tutti coloro che hanno fatto tappa qui conservano la memoria di un momento raro e prezioso nel tempo.

 

Nizza si trova a 80 km da Imperia e può essere raggiunta in un'ora in auto o un'ora e mezza in treno.

 

http://www.nicetourisme.com/

Un giorno a Montecarlo

Montecarlo si trova a meno di un'ora di macchina da Imperia, e può essere raggiunta anche in treno in circa un'ora e quindici minuti.

 

Almeno una volta nella vita dovete fare un viaggio a Montecarlo. Questo posto mitico, tra le Alpi e il Mediterraneo, vi offrirà sogno e realtà.

Da soli o con la vostra famiglia, per una vacanza romantica, semplice turismo o per un viaggio d'affari, il Principato di Monaco vi offrirà un universo dalle mille sfaccettature.

Montecarlo ha in serbo per voi molte sorprese, un centro culturale con molti musei, alcuni tra i più begli alberghi del mondo, una raffinata gastronomia di rinomanza internazionale.

Tutti i vostri desideri saranno esauditi.

La sua storia, legata da settecento anni alla famiglia Grimaldi, ha progressivamente portato il Principato all’attenzione del mondo, in particolare a partire dal regno del Principe Ranieri III quello di suo figlio S.A.S. il Principe Alberto II. 

Membro dell’Organizzazione delle Nazioni Unite e del Consiglio d’Europa, Monaco, facilmente accessibile da tutto il mondo, è uno stato prospero con un’economia fiorente e un indiscusso prestigio internazionale

 

Il Principato è comunque innanzitutto una destinazione turistica straordinaria. La sua concentrazione di alberghi di lusso, di ristoranti gastronomici, di strutture per il benessere di alto livello, di impianti sportivi e la sua vibrante vita notturna completano degnamente questa cornice idilliaca.

 

http://www.visitmonaco.com/it

Un giorno nell'entroterra di Porto Maurizio

Quando si è sulla costa ligure, sembra impossibile che ogni strada che si inerpica verso l'entroterra conduca a borghi ricchi di storia e attraversi paesaggi inediti. Anche l'entroterra di Porto Maurizio offre un'infinità di sorprese...

 

Qui di seguito vi proponiamo un itinerario che può essere compiuto con la macchina in una giornata.

 

Si parte da Montegrazie, un piccolo borgo immerso negli ulivi ricco di storia e tradizioni. È conosciuto soprattutto per il santuario di Nostra Signora delle Grazie, una maestosa chiesa in stile tardo romanico che si trova sulla collina proprio di fronte al borgo, a breve distanza. L'occhio, lassù, si perde tra l'azzurro del mare e il verde argentato degli ulivi. Sullo sfondo troneggiano le Alpi.

 

Nel borgo di Dolcedo si può passeggiare costeggiando il torrente Prino con le ruote dei vecchi mulini e raggiungere il ponte costruito dai Cavalieri di Malta nel 1292. La parrocchiale, con un grazioso sagrato, custodisce il "Martirio di San Pietro da Verona" di Gregorio De Ferrari. Ormai sono numerosissimi i tedeschi che hanno comprato casa in paese, come si può notare dagli annunci delle agenzie immobiliari appesi sulle case.

 

Prelà, con le sue frazioni, è situato nell'alta val Prino: un territorio ricco di mulini e frantoi già nel 1400. Da visitare la bella chiesa di San Giovanni del Groppo. 

 

Una di queste frazioni, Valloria, è un paese diverso e assolutamente unico: percorrendo i “caruggi” si vive l’emozione di trovarsi in una galleria d’arte a cielo aperto, creata da decine di artisti che hanno interpretato le antiche porte del paese.

 

Sopra Pantasina si trova il santuario della Madonna della Guardia, da dove si può vedere un panorama unico delle montagne e del mare. Proseguendo si arriva a Colle d'Oggia e si raggiungono le valli Argentina e Arroscia, percorrendo un paesaggio lunare dal forte fascino.

 

Quello che rende ancora più affascinante l'entroterra della provincia di Imperia è che quasi tutte la valli, da Diano Marina a Ventimiglia, sono collegate tra loro.

A Vasia si può visitare la chiesa di San Martino con il bel campanile romanico. Oppure la graziosa chiesa campestre di Sant'Anna con un notevole portico. La strada che riporta a Imperia è posta su un crinale dal quale si possono dominare le vallate intorno, i borghi immersi negli ulivi e i santuari.

 

La serie di valli che fanno capo a Porto Maurizio sono depositarie di una cultura specifica, quella dell'olivo. In tale dimensione sono accomunate ad altri ambiti territoriali vicini, quali la valle Impero e le valli dianesi. L'olio extravergine di oliva si propone sempre di più come una realtà tradizionale, di alta qualità, atta a soddisfare le esigenze della moderna alimentazione.

 

Risalendo le valli, non si possono non osservare tre realtà. In primo luogo i corsi d'acqua, che spesso vengono imbrigliati in canali, un tempo utili a portare acqua a molini e frantoi. Poi l'ampia distesa degli oliveti.

In mezzo, la corona di orti alle quote medio-basse, con una produzione di ortaggi e legumi che va dalla primavera all'autunno inoltrato. La stagione di massima produzione è quella compresa tra l'estate ed il primo autunno. È il trionfo delle verdure ripiene. Pomodori, peperoni, zucchini trombetta… tutto viene utilizzato per la formazione del ripieno. 

Non manca, al colmo delle valli, una relazione con gli ambiti submontani. La cultura della castagna è ben viva ancora a Pantasina, in un apprezzato momento di socialità (sagra della castagna, la seconda domenica di ottobre). La castagna può essere affiancata, ad esempio, alla carne di cinghiale: un accostamento singolare, tipico del periodo autunnale. 

 

Villatalla, invece, si presenta come punto di contatto con la cultura pastorale, ai margini degli antichi percorsi di transumanza. Non mancano neanche in questa valle gli assaggi dei formaggi legati all'attività di pastorizia.

Infine, dulcis in fundo, una rarità. 

Si può dire che a Pietrabruna, centro alle spalle di San Lorenzo al Mare, legato al comprensorio di Porto Maurizio, si possa trovare l'unico dolce a base di olio di oliva. È una specificità che può essere permessa solo dalle particolari caratteristiche dell'extravergine di cultivar taggiasca: olio, farina e zucchero per la stroscia, piccola torta che, appunto si "stroscia", cioè si spezza facilmente, gradevolissima al palato.

Un giorno nelle Alpi Liguri

La Liguria non è solo mare, sole e spiagge. Basta voltare le spalle al mare e scoprirete un territorio di montagne davvero interessante ed unico. Il Parco Alpi Liguri vi accoglie con meraviglie della Natura, attività e sport all’aperto, buona cucina, eventi e borghi storici

Alpi affacciate sul mare e itinerari all’aria aperta in un territorio dalle mille sorprese, con la sua eccezionale biodiversità. Alla scoperta dei colori dell’arte e del fascino della pietra antica, un viaggio nel tempo fra memorie e tradizioni del passato

Le Alpi del Mare (Alpi Liguri, Alpi Marittime e Mercantour) sono candidate a diventare Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

L’Associazione Culturale “Wepesto”, in collaborazione con l’associazione di guide Ambientali ed Escursionistiche “Ponente Experience”, ha aderito al programma Trekker Loaner di Google, accompagnando l’occhio di “Google Street View” dal mare fino alle cime più spettacolari della Liguria.

I volontari hanno tracciato oltre 200 km partendo dai Giardini Hanbury, seguendo l’Alta Via dei Monti Liguri fino al Monte Saccarello (2200m), la più alta vetta della Liguria, scendendo infine al mare attraverso alcuni dei più bei borghi di ponente.

Il percorso, visitabile da oggi su Google Street View, si snoda attraverso gli antichi sentieri montani utilizzati da millenni, come le antiche Vie del Sale, dove i volontari sono andati alla scoperta di storia, arte e tradizione.

Viste mozzafiato, natura, cultura, storia e siti dimenticati tuttora da riscoprire: le antiche caselle, rifugio di pastori e partigiani, gli edifici fortificati risalenti ai conflitti mondiali e le chiese campestri sono solo alcune delle bellezze immortalate nel progetto che ha coinvolto le due associazioni da agosto 2016 a novembre 2017.

Questi luoghi di notevole interesse sono stati riportati alla luce e documentati con fotografie, video, foto sferiche, modelli 3D e ricerche storiche. Tutto il materiale è pubblicato in un unico sito consultabile gratuitamente da tutti: 

 

http://liguriawow.it/

 

Il portale organizza i percorsi in punti di interesse, fornendo informazioni di viaggio chiare e interattive, preziose per escursionisti, curiosi e studiosi. Il progetto rende inoltre fruibile a chiunque le parti più spettacolari del nostro territorio, come il Sentiero degli Alpini. 

Liguriawow.it verrà integrato nel tempo con nuovi video, ricerche e materiali interattivi.

Lo sviluppo è stato possibile grazie al lavoro, la fantasia e la passione di archeologi, biologi, studenti universitari, medici, agricoltori e studiosi innamorati della propria terra e volenterosi di poterla raccontare al mondo intero.